inesorabile incombe il “tempo del creato”, un rito sostanzialmente pagano che le confessioni cristiane, unite, propinano ai loro fedeli

… dal 2015 anche la Chiesa cattolica aderisce al “Tempo del Creato”, anzi ne è diventata la capofila, con l’enciclica Laudato Si’ a fare da stella polare

… ci deve pensare l’uomo con la sua responsabilità a «custodirlo» (sottinteso: a mantenerlo come ci è stato consegnato)

… attraverso il lavoro continua l’opera creatrice di Dio … ed è quindi chiamato a “soggiogare la terra” secondo il disegno divino

… ideale animista che è sostanzialmente quello di conservare il mondo così come ci è stato consegnato, pena la maledizione degli spiriti

… non perdono l’occasione di parlare del Covid come della maledizione per aver abusato della natura (mica, eventualmente, di aver peccato contro Dio)

… richiamare proprio alla riparazione dei danni provocati dall’uomo, il che ovviamente richiede la “conversione ecologica”

sviluppo sostenibile, che è entrato di forza nel magistero grazie alla Laudato Si’, contrariamente a quel che si pensa, è un concetto nato proprio in odio all’uomo, considerato come il problema che ha creato squilibrio nell’ecosistema mettendo a rischio la vita del pianeta

     

 

          Messaggio VI giornata cura del creato (01 09 2020)

          (“soggiogare la terra”)  Enciclica Laborem Exercens

          Enciclica Laudato Si’

 

Share: